La Farmacia Omeopatica con i migliori prezzi online

numero verde

Convalescenza, ecco come tornare in forze.

Il picco influenzale comincia ormai ad essere alle spalle, ma quando febbre e tosse se ne vanno lasciano come corredo un senso di stanchezza e spossatezza, la tanto celebre convalescenza.

Convalescenza, affidiamoci a un integratore.

La spiacevole sensazione può durare diverso tempo, soprattutto se si è fatto uso di antibiotici e cortisonici. In questi casi, è quindi consigliata l’assunzione di un integratore a base di vitamine del gruppo B, come B-Dyn  di Metagenics.

I componenti di B-Dyn, vitamine del gruppo B nella forma attiva e biodisponibile, presiedono alla formazione di energia per l’organismo. In particolare, la tiamina, la riboflavina, la niacina, la vitamina B6, la biotina e la vitamina B12 contribuiscono al normale metabolismo energetico.

Tra le tante funzioni di queste vitamine, c’è anche quella di essere dei cofattori enzimatici per le cellule del sistema immunitario, modulandone l’attività contro virus e paravirus influenzali.

Convalescenza e rimedi naturali.

Un altro valido aiuto ci viene dalla natura con l’eleuterococco (Eleutherococcus senticosus maxim), noto anche come ginseng siberiano. Questo arbusto, originario della Siberia e della Mongolia, rientra nella categoria delle piante ad azione adattogena, cioè capaci di fornire all’organismo una migliore resistenza nei confronti di diversi fattori stressanti.

L’eleuterococco è quindi indicato sia come tonico per rinforzare il corpo durante uno sforzo prolungato sia come rimedio in caso di debilitazione, astenia e convalescenza, anche in virtù della sua azione immunomodulante. In pratica, si consiglia in caso di stanchezza, esaurimento psicofisico, periodi di superlavoro, nonché in caso di ridotta concentrazione e scarso rendimento nel lavoro o nello studio.

Convalescenza e medicina omeopatica.

Infine, uno dei rimedi omeopatici di elezione per la convalescenza è China. Rimedio indicato in soggetti che hanno avuto episodi acuti o ripetuti nel tempo di emorragie o perdite di liquidi organici. Utile in chi accusa astenia e sudorazione ad ogni minimo sforzo, ipotensione arteriosa, vertigini e tachicardia.

 

Silvia Prandelli

Dott.ssa Silvia Prandelli

← Tutte le news