IT / EN

La Farmacia Omeopatica con i migliori prezzi online

numero verde

Omeopatia, di cosa parliamo e qual è il suo futuro nel nuovo millennio?

L’omeopatia nasce verso la fine del 1700 dagli studi di un medico tedesco, Samuel Christian Hahnemann, ed è un metodo di approccio terapeutico differente dalla medicina tradizionale, cosiddetta allopatica.

Secondo la dottrina omeopatica, l’organismo sarebbe animato da un’energia o forza vitale che, scorrendo armoniosamente al suo interno, ne assicurerebbe lo stato di salute. La malattia, dunque, deriverebbe da uno squilibrio di questa energia o forza vitale, manifestandosi esternamente con funzioni e sensazioni anomale (segni e sintomi) interpretati dal medico omeopata come spie di un disagio profondo. 

L'omeopatia nella storia.

Nel 1795, anno in cui Hahnemann presenta al mondo la medicina omeopatica, i medici avevano a disposizione solo i famosi salassi e niente di più. Capite bene come mai, all’inizio della sua storia, l'omeopatia sia stata ben accolta e abbia avuto un discreto successo. Un successo che però, a mano a mano che la medicina allopatica otteneva nuove scoperte e successi, andò sempre più scemando, per arrivare, infine, all'invenzione della penicillina nel 1928, ad opera di Fleming. Ma nel 1932 nascono i Laboratoires Boiron, e con loro si risveglia anche un po’ la coscienza omeopatica, dando il via ad una vera e propria riscoperta di questa medicina. 

La mia esperienza di omeopata.

La mia passione per l’omeopatia nasce con me, nel senso che sono una figlia d’arte. Mio padre, infatti, si interessa di medicina omeopatica dal 1980, e io sono perciò cresciuta a pane e omeopatia. Certamente ho dovuto studiare e applicarmi nella mia professione: quante domeniche dedicate ai corsi di formazione e quante serate ho riservato all’approfondimento della conoscenza di questa pratica medica!

Nella mia carriera di farmacista ho avute moltissime esperienze sugli effetti benefici dell’omeopatia, e tantissimi positivi. Un aneddoto che mi fa sempre sorridere è una specie di scommessa fatta con un mio paziente. Questi venne da me con un forte attacco di emorroidi, e non era molto convinto della mia proposta terapeutica a base di Aesculus Hippocastano 5CH ed Hamamelis Virginiana 5CH. Be’, gli proposi di rivederci dopo 3 giorni: se io avessi risolto il suo problema, allora mi avrebbe dovuto offrire un caffè, viceversa l’avrei offerto io a lui; mai  un caffè “offerto” mi fu più gradito!

Qual è il futuro dell'omeopatia?

Ora domandiamoci: quale sarà il futuro dell’omeopatia nel nuovo millennio? Certo è importante il fatto che, come dicevamo, stiamo parlando di una medicina energetica, che è in grado di modificare anche le emozioni oltre che curare patologie. E altrettanto importante è il fatto che la strada che la ricerca sta seguendo sia quella dello sviluppo di protocolli di accompagnamento a patologie importanti, nella consapevolezza che non solo è importante preservare la vita umana ma anche la qualità della vita stessa. Ma al di là di ciò, vi lascio con la seguente riflessione: in un mondo dove l’antibiotico resistenza sta diventando un problema, dove sono anni che non viene scoperta una molecola nuova ad azione antibatterica o anti virale, non vale forse la pena fermarsi e provare, come primo approccio, una medicina di sostegno totalmente priva di effetti collaterali?

FullSizeRender

Dott.ssa Serena Schiavo

← Tutte le news